Come usare gli INSIGHT di Facebook

Analizzare la campagna con Insight

 

Benvenuto nella fase 2 del corso. E’ arrivato il momento di analizzare tutti dati raccolti in questi primi giorni della campagna, utilizzando gli Insight di Facebook.

Analizzando i tutti i dati fin’ora raccolti, scoprirai le leve da utilizzare per ottenere più mi piace per la tua pagina Facebook.

Come ti ho detto, proprio per questo scopo Facebook ti offre uno strumento potentissimo, gli Insight.
Qui sono raccolti numerosi dati molto importanti di tutte le persone che ti seguono, come la fascia di età, il sesso, gli orari migliori nei quali pubblicare i tuoi annunci, la percentuale di chi clicca più volentieri ecc.

Questo non è tutto, utilizzando gli Insight capirai anche da quale dispositivo cliccano, se da desktop, tablet, oppure smartphone.

Ti ricordo di non perdere anche la terza fase del corso. Per essere sempre aggiornato su tutti i corsi, iscriviti al mio canale youtube cliccando questo link Youtube.

Ora è il momento di spingerci più a fondo negli INSIGHT.

  • Per prima cosa entra nell’account
  • Clicca gestione inserzione, interagendo sulla campagna appena creata. Come ricorderai il nome è “mi piace”.
  • Ora vai su grafico prestazioni campagna
  • Come puoi vedere, sotto ci sono i menù a tendina
  • Nella voce “età”, puoi vedere le fasce di età nelle quali hai speso di più, ed il singolo costo per mi piace
    da quello che risulta per ora, la fascia d’età migliore è quella compresa tra i 55 e i 64 anni, con un costo di 0,23 centesimi per click
  • Il sesso invece è femminile, con un costo di 0,42 centesimi per click

Ti ricordo che puoi anche seguire il video passo passo cliccando la foto 

Ora invece analizziamo i dati inerenti al posizionamento.

In questo caso i 12 mi piace raccolti, sono stati fatti da “mobile”.

Puoi decidere l'arco di tempo da analizzare in modo da avere tutte le statistiche dettagliate per in determinato periodo di tempo.

Puoi incrociare il numero di persone che ha cliccato con il costo per click, per avere chiaro quanto e dove investire.

Come ti dicevo, tutta questa serie di dati è importantissimo per ottimizzare la campagna. Per esempio, sapere da quale dispositivo le persone cliccano, ci aiuta ad ottimizzare le inserzioni per quel determinato dispositivo.

Anche l'orario è molto importante per calibrare bene inserzione. Sapere in che orari c'è stato il maggior numero di click ci aiuta a capire che ora le campagne future dovranno essere attivate.

Per semplificare possiamo considerare il grafico degli ultimi giorni, cercando di capire effettivamente qual'è il pubblico che ti fa pagare meno.

In questo esempio, il costo per gli uomini è nettamente inferiore a quello per le donne.

Per ottimizzare ulteriormente, creeremo diverse campagne, ad esempio una apposita per le donne con la fascia di età che ci sta facendo spendere meno, ed una appositamente per gli uomini. In questo modo possiamo anche utilizzare diverse immagini mirate al pubblico maschile o femminile.

Anche per aumentare i click in quelle fasce di età che stanno dando pochi click si può agire modificando le immagini ed i testi dell'inserzione.

Se i dati raccolti non dovessero essere sufficienti, si può lasciare andare la campagna per altri giorni, in modo da avere più dati da analizzare.

Inizia quindi a creare nuovo materiale video e foto in base ai device (pc, tablet, smartphone) che utilizza la categoria delle persone che clicca poco in base all'età e al genere.

Calibra in maniera precisa il tipo di risorse creative da utilizzare. Cerca di individuare le persone a cui piacciono i tuoi contenuti.

Questo serve non solo per aumentare i mi piace, ma anche per aumentare visualizzazioni al tuo canale youtube, al tuo sito web, al tuo account twitter, instagram, al tuo blog ecc.

Anche per questa seconda fase del corso è tutto.

Se non lo hai ancora fatto iscriviti ora al mio canale youtube per essere sempre aggiornatissimo.

Ecco ora il video tutorial che puoi seguire direttamente da qui:

Ti aspetto per la terza parte del corso.

Commenti

Share this article

Comments are closed.